venerdì 8 maggio 2009

l'unicorno bianco


Con i malanni di questi giorni della piccola trottola, ho trascurato un po' la grande. Allora ieri sera siamo andate a letto presto e abbiamo letto un po' di più del "solo un capitolo" di tutte le sere, finendo il libro. E' il quinto della serie "Lily nel regno delle fate" (ma perchè io non comincio mai dal primo della serie?), di Emily Rodda, collana Il battello a vapore. Io non ne sono rimasta entusiasta. Invece con mia sorpresa alla bambina è piaciuto molto. La figura dell'unicorno magico, che comunica con il pensiero, l'ha affascinata più delle fate e degli elfi.
E' proprio come me! Man mano che le pagine lette aumentano, guarda quelle che restano e manifesta gioia, pregustando la fine dell'avventura, ma anche un po' di rammarico nel vedere avvicinarsi la fine. E quando davvero arriviamo all'ultima pagina la sua gioia è tanta, anche perchè è il momento di scegliere un altro libro, ma il rammarico diventa tristezza per dover riporre quello vecchio così presto. Addirittura quando abbiamo finito di leggere Le avventure di Pinocchio voleva subito ricominciarlo.
Ora, dopo averle parlato del viaggio di Flat Stanley, dopo aver visto le sue prime foto, vuole assolutamente leggere il suo libro, ma.... mamma ancora non l'ha preso! Qui in provincia trovare una libreria fornita è un'impresa impossibile. Questa sera vedrò di indirizzarla su un altro tra i libri che aspettano sul suo scaffale...

3 commenti:

utente anonimo ha detto...

ciao cara,
anch'io la sera leggo un capitolo per volta a Francesco, adesso stiamo leggendo un libro di Geronimo Stilton e proprio come Marta, è ansioso di leggere i prossimi capitoli, di finire il libro, ma poi diventa un pò triste quando si finisce di leggerlo e di riporlo e mi dice... " e adesso mamma, quale libro leggeremo?
Il prossimo sarà anche per me quello su Stanley, l'ho ordinato da pochi giorni, speriamo arrivi presto, non vedo l'ora di leggerlo!
Amalia

SpippiLove ha detto...

che bella una bimba che adora farsi leggere i libri... e che bello avere una mammina che li legga!!! Vi immagino, con tanta tenerezza.... un bacino...

utente anonimo ha detto...

Stanley forse all'epoca non esisteva ,ma tra io e mia mamma ne abbiamo letti tanti, escluso Le avventure di Gian Burrasca: chissà perchè, forse non gradiva la copertina??? quasi quasi glielo propongo ora....
Gabriella