domenica 2 agosto 2009

il pellegrinaggio notturno

C’era, non tanto tempo fa, un padre che, tornando dall’ospedale dove si trovava la figlia malata, passava davanti al santuario Santa Maria del Fonte a Caravaggio. Fece un voto alla Madonna.
La sua preghiera fu ascoltata, e quel padre ricambiò con un pellegrinaggio notturno da Pisogne a Caravaggio, lui e altri cinque temerari amici. Ogni anno il pellegrinaggio si ripete. Ne è nata un’associazione onlus che ne cura l’organizzazione, l’assistenza lungo il percorso, il ritorno. Siamo alla settima edizione e ieri notte sono partiti 180 pellegrini.
Sono 72 chilometri di fede e fatica, di allegria dei canti del gruppo dei giovani, di coraggio dei più anziani (77 anni), per sensibilizzare sull’importanza della ricerca e prevenzione delle malattie congenite metaboliche. Sono partiti poco prima della mezzanotte, dopo la tradizionale messa, lungo tutta la sponda bresciana del Sebino fino a Iseo, per proseguire poi per Adro e Palazzolo, e infine su strade sterrate per Romano di Lombardia, raggiungendo la meta oggi verso le cinque del pomeriggio.
E noi eravamo lì ad attendere i nonni, stanchi ma felici.

11 commenti:

utente anonimo ha detto...

Che bello scoprire che ci sono motivazioni così forti e belle che spingono a partecipare ad un pellegrinaggio.Grazie ancora una volta per avermi fatto scoprire questi scorci di vita così intensi!!!EleVi

utente anonimo ha detto...

Grandi i nonni!!!!e che belle le tue dolcissime pupattole,la tua fortuna è che non viviamo vicine altrimenti,credo che non te le farei vedere mai....starei tutto il giorno a stritolarle di baciottoli!!!Connie

utente anonimo ha detto...

E' stata un esperienza indimenticabile...grazie a tutti i miei compagni di pellegrinaggio!
Chiara

sil71 ha detto...

Chiara, hai partecipato anche tu??? complimenti, sei stata bravissima.. che bello avere un commento da uno dei pellegrini...

utente anonimo ha detto...

Ho partecipato anche io ono ancora distrutto ma soddisfatto!! grazie a tutti cristian

sil71 ha detto...

posso capire la tua soddisfazione cristian!!! è stata un'emozione grande per me vedervi arrivare, immagino per voi

utente anonimo ha detto...

grazie di questa testimonianza, mi fa pensare alla frase di Tolstoj: Come una candela ne accende un'altra e così si trovano accese migliaia di candele, così un cuore ne accende un altro e così si accendono migliaia di cuori.
Grazie ancora e complimenti ai nonni. Bipa

utente anonimo ha detto...

Esperienze sicuramente indimenticabili e cariche di significati! Un abbraccio a te e alle tue meravigliose pupattole!
Rita

utente anonimo ha detto...

Che bella esperienza, grazie per averci raccontato di questo pellegrinaggio a me sconosciuto.
Un bacio alle bellissime bambine,
Amalia

utente anonimo ha detto...

veramente emozionante! graze Silvia!

utente anonimo ha detto...

Mi hai commosso. Splendide le foto!!
Mammagiramondo