lunedì 29 giugno 2009

le mamme sono angeli in allenamento

A volte capitano giorni un po' così, almeno a me. Detto senza mezzi termini, giorni nei quali ti senti una mamma incapace. Incapace perchè non hai la pazienza di sopportare i suoi capricci, perchè non trovi il tempo e neppure la voglia di farle fare le scale dieci volte, perchè la lasci piangere parcheggiandola nel box o nel girello dopo mezz'ora che gironzolate per casa. Guardo mia mamma e vedo la pazienza infinita che ha con le nipoti e che aveva con noi. E mi chiedo perchè non ce l'ho anch'io. In fondo, è pazienza che nasce dall'amore... E poi sento le vicine, che raccontano di come i loro figli non hanno mai pianto, hanno sempre dormito venti ore al giorno, non hanno mai creato problemi, quando io, la loro vicina di casa, ricordo i fatti in un modo ben diverso!
A volta capita che, scambiando una mail con un'amica virtuale, che condivide la tua stessa passione, un'amica conosciuta in una giornata di festa, con la quale hai intrecciato uno scambio epistolare quotidiano, così per caso ti sfoghi con una frase buttata lì.
A volte capita di trovare nelle parole di questa web-amica una carica inaspettata, un aiuto a cacciare via i tristi pensieri, il senso di inadeguatezza e di incapacità che in quella giornata ti attanaglia. L'amica ti ricorda che le vicine di casa e le mamme dei compagni di scuola non vanno mai ascoltate per principio, che tutto dura solo un momento e poi passa, che i problemi nei quali ora sembri affogare si riveleranno piccoli piccoli, che tra le mille cose che dobbiamo fare in un giorno non riusciamo a trovare il libretto delle istruzioni dei figli, che le mamme sono angeli in allenamento.
Grazie cara amica!

domenica 28 giugno 2009

una domenica in giardino

Finalmente una bella giornata di sole
passata tutta quanta in giardino
con i fiori freschi del suocero
l'ultima arrivata tra le rose
e i giochi della trottola, che non si stanca proprio mai!

Ma, stranamente ed inaspettatamente, adesso che la piccola è a casa mi manca ancora di più la trappola. Soffro di nostalgia più adesso che settimana scorsa quando erano via entrambe. Sarà che 'sta storia che il mare fa bene mi convince sempre meno, visto che Marta è partita con il raffreddore e ieri ancora l'aveva, mentre Sofia non l'aveva e dopo tre giorni di mare se l'è beccato. Ma non diciamolo ai pediatri!

sal dei fili

giovedì 25 giugno 2009

piccole grandi conquiste

uno
due
e tre

questa proprio mi mancava!


Una caccia al tesoro sul web. Certo che non ci si annoia mai nel mondo virtuale! E' organizzata da mammafelice e durerà fino a settembre.

E un candy dolce dolce, quello di undicimesi.
Il mio dolce di Natale
per me il massimo se si parla di cioccolato
non soddisfa la vista
ma è una delizia!

mercoledì 24 giugno 2009

finalmente in pari!

con il sal calendiversaire

Il progetto finale qui.

martedì 23 giugno 2009

15 giugno 2008 ore 6,15


Sei arrivata di fretta. Nessuno pensava fosse il momento. Non lo pensavo io, svegliata da quel fastidioso dolorino, puntuale ogni cinque minuti. Non lo pensava il tuo papà, che proprio non aveva intenzione di alzarsi. Non lo pensava neppure l'ostetrico, che vabbè visto che sei qui ti controllo. E in meno di un'ora sei nata. C'era un raggio di sole che entrava dalla finestra quando mi hanno riportata in sala travaglio con te fra le braccia, e poi è venuto il diluvio. Questo è quello che ricordo di quella mattina di un anno fa. Sei arrivata nella nostra vita dopo un anno di lacrime e sofferenze, dopo due angeli volati via, sei arrivata inaspettata ma desiderata con tutte le mie forze. Piccola trottola, anche se in ritardo, la tua mamma ti augura buon primo compleanno.

lunedì 22 giugno 2009

che scoperta...

... la bacheca di blogger!!!
Questo strumentino mi permette di leggere tutti i post dei blog amici di tutte le piattaforme, che siano splinder, blogspot, over-blog, senza perderne nessuno e risparmiando anche un po' di tempo! E per la serie sempre più persa nella rete, ancora blog candy! La mia amica Roberta ha messo in palio uno dei suoi fantastici cuscinetti a punto antico e la bravissima Paola
Snezana e i suoi disegni.
In ritardissimo rispetto a quando la cara Amalia mi ha nominata (scusami Amalia!), ecco poi 7 cose di me:
1. naturalmente, amo sopra ogni cosa le mie due bimbe, e vorrei tanto avere la terza
2. amo il ricamo in tutte le sue forme
3. mi piace leggere
4. odio cucinare, e lo faccio solo per le piccole
5. ho una passione inesauribile per Enrico Ruggeri e la sua musica
6. amo la montagna tanto quanto odio il mare (e quindi tanto!!!)
7. non vedo mai il bicchiere mezzo pieno, ma neppure mezzo vuoto, lo vedo solo mezzo.

domenica 21 giugno 2009

... e poi si torna


Ma dimezzati! Dopo due settimane passate stando con loro ogni minuto della giornata, senza impegni o orari da rispettare, senza il mio presto che è tardi, non averle qui che mi girano intorno fa un certo effetto... per nulla piacevole!

sabato 6 giugno 2009

si parte!

Ci siamo quasi. La macchina è strapiena anche se mancano ancora un paio di borse. Solo lettino, passeggino e cose varie della piccola trottola l'hanno occupata per metà. Chi ha dei bambini piccoli sa cosa vuol dire preparare i bagagli. Ho sempre paura di dimenticare qualcosa, e così prendo di tutto. E se poi c'è freddo? E allora via con le tutine pesanti. E se poi piove? E allora dentro anche giacchette e parapioggia. E se non trovo latte e pappe per Sofia? E allora una scorta di cibo che probabilmente mi basterebbe per un mese. Che poi dico, mica andiamo chissà dove! Ci sono gli stessi negozi, le stesse farmacie che trovo fuori casa. Però, non si sa mai. Sarà la mia insicurezza di fondo che mi fa temere di trovarmi impreparata nelle situazioni che si presenteranno? Mi consolo pensando che prima di rinascere mamma non ero così: i bagagli li preparavo un'ora prima di partire, quattro vestiti e qualche crema e via. Allora sarà l'istinto materno che mi fa portare tutta la casa al mare con noi?

venerdì 5 giugno 2009

sal country bloomers

ecco la mia prima tappa

giovedì 4 giugno 2009

ferie???

Quest’anno ne ho proprio bisogno! Per scrollarmi di dosso tutta la stanchezza di questo inverno di otiti e antibiotici della trappola, di infezioni urinarie e febbroni della trottolina, di bronchiti nostre, di corse per essere comunque sempre in ritardo, di lavoro che si accumula e non riesco a smaltire, in casa e in ufficio. Non amo il mare, e tantomeno amo allontanarmi dalla mia amata casa. Le mie ferie ideali sarebbero qui, in casa e in giardino. Però quest’anno sento anch’io il bisogno di staccare, di cambiare strade, facce, rumori. Di cambiare vita per qualche giorno. Di togliermi dalla bocca il mio “presto che è tardi”. Ancora qualche giorno di fatica, per cercare di lasciare la scrivania il più possibile in ordine, per preparare i bagagli (portandosi dietro mezza casa!) e poi anche noi al mare.

mercoledì 3 giugno 2009

bello e... tossico!

E' da sempre il pezzo forte del mio giardino
ogni anno fiorisce una quindicina di giorni dopo tutti gli altri gelsomini del paese

ma quando lo fa è una cascata di profumati fiorellini bianchi
talmente belli ed invitanti che la mia trottola oggi se li è mangiati
e così abbiamo scoperto che sono altamente tossici
e il notro 2 giugno è passato in ospedale
tra carbone attivo ed elettrocardiogrammi
per fortuna la piccola sta bene
ma per il mio bel gelsomino e la mia distrazione
abbiamo preso un grande spavento

martedì 2 giugno 2009

storia di una rosa

E' stata la prima piantina che abbiamo comprato per la nostra casa, nel 2001 ad una fiera a Parma, quando al posto del giardino ancora c'era un grande buco con la gru. Era un alberello ben ordinato, con il gambo lungo e sottile e una palla perfetta di foglie e fiori. Ma io non l'ho mai curata, ho preferito lasciarla libera di crescere un po' selvaggia. Oggi non ha più la forma di alberello, ma è la mia pianta preferita.